Gioia Masia

In foto Gioia Masia, attuale difensore dell’ ADS Formello Calcio Cross Roads squadra che milita in serie C .

Gioia Masia, nata a Sassari il 22 gennaio 1977, calciatrice italiana di ruolo difensore. In carriera con la maglia della Torres ha vinto tutto in campo nazionale, 3 campionati italiani, 5 coppe italia e 2 supercoppe italiane, mentre con la maglia della Lazio nella stagione 2002-2003 vince la sua 6 coppa Italia.

Ecco la mia intervista:

DOMANDA: Prima domanda dove nasce la tua passione per il calcio e di conseguenza chi ti ha aiutato e chi invece voleva frenare questo tuo desiderio ?

RISPOSTA: Ho iniziato per strada con i miei amici, giocavo solo con i maschi. Non mi ha ostacolato nessuno anzi i miei genitori hanno sempre assecondato questa mia passione.

DOMANDA: Cosa ti ricordi del tuo debutto calcistico ? In che ruoli hai giocato e il ruolo che prediligi di più e perché ?

RISPOSTA: Del mio esordio in serie A ricordo una notte insonne e tanta emozione. Ho iniziato come difensore e ho praticamente ricoperto tutti i ruoli, ma quello che prediligo è l’esterno di difesa o di centrocampo, si corre tanto ma da anche tantissime soddisfazioni.

DOMANDA: Chi era la calciatrice/i a cui ti sei ispirata da bambina e perché ? 

RISPOSTA: Il mio idolo rimarrà sempre Giannella Pintus è la giocatrice da cui ho ereditato la maglia numero 5, lei avevo smesso per lavoro ed io ho preso il suo posto. Oltre che una compagna di squadra era ed è un amica.

DOMANDA: Quali sacrifici e/o rinunce hai fatto per arrivare a essere una delle calciatrici più conosciute ?

RISPOSTA: Quando fai una cosa con passione e amore non si possono definire sacrifici, io facevo delle scelte quotidiane, amici o allenamento? Allenamento sempre e nei momenti liberi stavo con gli amici.

DOMANDA: C’è qualche canzone particolare che ascolti per caricarti prima della gara e inoltre hai qualche rito scaramantico prima di entrare in campo ?

RISPOSTA: Non ho una canzone in particolare, quella dipende dal momento che vivo. Invece il rito scaramantico che ho sempre avuto è quello di indossare lo stesso completino intimo dalla prima all’ ultima partita.

DOMANDA: Ultima domanda: calcisticamente parlando mi dici 3 sogni che hai nel cassetto e che vuoi raggiungere e perchè ?

RISPOSTA: Il primo sogno l’ ho realizzato ed è stato quello di fare la calciatrice, il secondo è che sempre più bambine si possano avvicinare al calcio femminile e che i genitori non impediscano loro di inseguire il proprio sogno. Il terzo è che il calcio femminile in Italia possa occupare il posto che merita e che non venga più discriminato.

Un ringraziamento a Gioia Masia, per avermi concesso questa bellissima intervista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: