Marco Amelia

In foto Marco Amelia,  ex calciatore di ruolo portiere, nel 2006 diventa campione del mondo con la nazionale italiana.

Marco Amelia nato a Frascati il 2 Aprile 1989, è un allenatore di calciodirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo portiere. Nel suo palmareis ci sono due campionati italiani, rispettivamente con la maglia della Roma ( 2000-2001 ) e Milan ( 2010-2011 ) e nel 2006 con la nazionale italiana si laurea campione del Mondo.

Ecco la mia intervista:

DOMANDA: Hai capito sin da subito che volevi fare il portiere oppure hai incominciato in altri ruoli ?

RISPOSTA: Ho iniziato con la scuola calcio girando tutti i ruoli come si faceva ai tempi, poi nel mio turno in porta parai un rigore e rimasi in porta per sempre ( ahahah )

DOMANDA: Ci sono altri sport che hai praticato ( in contemporanea con il calcio )  per aumentare la coordinazione e/o l’elasticità?

RISPOSTA: Ci sono molti sport che ti aiutano anche migliori del calcio in questi particolari, ma quando fai sport a livello professionistico non hai molto tempo per fare altro credo che il nuoto sia il più completo in termini di coordinazione.

DOMANDA: Il portiere non è un ruolo come un altro oltre alla bravura che caratteristiche deve avere un portiere per farsi sentire in campo ?

RISPOSTA: Il portiere deve far sentire la sua presenza non solo negli interventi che deve fare, ma soprattutto con un atteggiamento propositivo e facendosi sentire con i suoi compagni.

DOMANDA: Perché la gente,  è sempre più benevola nei confronti dell’attaccante che sbaglia un gol davanti alla porta rispetto a un portiere che prende gol per colpa sua ? e tu come reagisci ?

RISPOSTA: Penso che alla fine il gol è la cosa più importante del calcio e se fa un errore un portiere risalta di più.

DOMANDA: Le differenze tra un portiere di oggi e un portiere della tua generazione ?

RISPOSTA: La differenza da prima ad oggi è l’uso del portiere molto frequente nel possesso palla.

DOMANDA: Ultima domanda che si prova a essere campione del mondo ?

RISPOSTA: Ottenere certi traguardi ti gratifica tantissimo soprattutto per l’effetto che fa il trionfo sulla gente. E’ una competizione fantastica e indimenticabile

Un ringraziamento a Marco Amelia, per avermi concesso questa bellissima intervista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: